Orgoglio terrone

21 luglio, 2008

Poveri piccoli bimbi padani! Maltrattati e martoriati da questi terroni che non solo si prendono le nostre terre, ma sposano ache le nostre mogli e ci rubano il lavoro da sotto il naso. Cosa ne possono capire questi africani di educazione? Loro che parlano solo a gesti (ecco perchè l’uso del dito medio, per farsi capire da tutti!)…Che ne sanno loro della gloriosa storia della Padania? E poi che retrogradi! La cartina dell’Italia disegnata come se fosse un’unica nazione! Mai sentito parlare di federalismo, eh, terrun?!?!?! Io non oso immaginare cosa devono sentire le piccole orecchie dei nostri figlioli durante le ore di educazione musicale. Che se lo cantassero e se lo suonassero nelle loro capanne ‘sto “Inno di Mameli” che a noi della schiavitù, da parte di Roma (ladrona!) o della vittoria che sia, non vogliamo più sentirne parlare!!!

U vuliti capiri o no!!!

959

16 luglio, 2008

Sono le pagine che accompagneranno la mia estate, raccolte nei tre libri su cui mi sono tuffata, alla BlogSeaBookSharing (mamma mia, è uno scioglilingua!!!). Per un attimo, ieri sera, grazie al bagliore delle lampade, alla penombra dovuta alla momentanea assenza di Luna, alla pila di libri accatastati in attesa di trovare un possessore a tempo determinato, mi è sembrato di trovarmi catapultata in un’ambientazione paragonabile alla Setta dei Poeti Estinti.

Il dilemma, a questo punto è da quale libro cominciare: Piccolo mondo inglese, di Margaret Halsey, Un posto nel mondo, di Fabio Volo o Il Terzo segreto, di Steve Berry? Il primo mi sembra molto scorrevole, in forma di diario. Credo lo lascerò per ultimo. Il libro di Fabio Volo presenta una chiara intimidazione da parte del proprietario. La mia vita potrebbe essere in pericolo. Per puro spirito di autoconservazione credo sia meglio evitare per la lettura: luoghi affollati, spiagge, viaggi, fonti di calore ed infiammabili. Al momento si trova ben riposto tra due cuscini, delicatamente appoggiato sulla mia scrivania, sorvegliato dai miei due cani-peluches più fedeli e feroci. Il Terzo segreto è un mattoncino di discrete dimensioni che scotta per i temi trattati. Mi sembra quindi l’ideale per dare inizio alla lettura estiva…

Come sempre, nessun evento sarebbe tale senza la partecipazione di persone che lo rendono piacevole nella sua unicità: MarthaPeake, Neon, Serverless, Hecyra, Alessio, Rock(s)politik, Almostviola, Maelstrom, 4nTO, Filippo (il “ricattatore” del libro di Volo) e un amico di Alessio di cui, mea culpa, non ricordo il nome!Giuseppe.
Considerando due dati certi, ovvero la mia lentezza nel leggere e la mole che mi attende, dovrei mantenere una media di circa 20 pagine al giorno…se pò fa’!

Pagghioli!

13 luglio, 2008

E poi dicono che i giovani si chiudono in casa con i loro videogiochi e non praticano più sport! Noi siamo passati nel giro di qualche ora dal tennis al bowling, dal curling al beach volley, dal pugilato al golf. Qui di seguito trovate le prove fotografiche di una serata di ordinaria follia:

Si comincia da Davide, il padrone di casa. L’espressione perplessa mostra che il vento e la pendenza del green hanno appena sporcato un tiro praticamente perfetto. “No, non è vero, io non stavo gufando!” (ihihihihihihihihih).

Ecco Claudia che sprezzante del pericolo di rimanere incriccata, causa colpo della strega, ci ha creduto fino alla fine. Complimenti per lo stile. Peccato, però per il terzo posto che mi sembra comunque dignitoso!

Che dire di lui! La concentrazione sul suo volto la dice lunga sulle sue capacità golfistiche! Laghetti e boschi non lo fermeranno mai! (Questa è l’unica foto in cui Claudio mostri un minimo movimento del corpo! In tutti gli altri giochi era l’unico ad aver capito che non è necessario muoversi come dannati. Basta un impercettibile movimento del polso, giusto?).

Dulcis in fundo, eccomi all’opera. Sarò pure arrivata ultima e la mia età fisica pare essere di 70 anni, ma volete mettere la classe?!?!?