Glinn en taur*

2 giugno, 2008

Edhelrim, gelaidh, cif pelain, glinn fuin a paint en gyl… (Elfi, alberi, terre lontane, suoni segreti e pieni di magia…)

Tutto questo è stato ieri sera il concerto dei Lingalad, presso i locali di Tertulia, a Catania. E molto di più (solo che il tentativo di tradurre il tutto in elfico è stato davvero faticoso!). Ammetto la mia quasi assoluta ignoranza sul magnifico mondo raccontato da Tolkien, confesso di essere a volte superficiale nell’osservare gli elementi naturali che mi sembrano quasi scontati nella loro ciclica esistenza. Troppo impegnata ad occuparmi di cose tangibili, reali e concrete. Ieri però ho fatto un viaggio. Uno di quie percorsi casuali che non ti aspetteresti di percorrere. Ho lasciato da parte la mia immancabile razionalità e mi sono lasciata trasportare verso mondi inesplorati. E’ in queste occasioni che ti accorgi di quanto le parole siano limitanti e limitative. Mi risulta così difficile comunicare e raccontare l’esperienza “sonora” di ieri sera. Probabilmente, solo i miei compagni di viaggio, quelli che con me hanno attraversato boschi di betulle e foreste, potranno capirmi…

*La voce del bosco (almeno, credo, data la mia poca esperienza nelle traduzioni Italiano-Elfico!)